Intervista a Eva H-D vincitrice del Montreal Prize

rotten-perfect-mouth

Oggi RAMINGO! è incappato in un’occasione unica nel suo genere. Abbiamo avuto l’onere e l’onore di poter intervistare la vincitrice del Montreal International Poetry Prize dell’edizione 2015. Ne avevamo già dato notizia appena ci è stato comunicato il nome, pubblicando un articolo che riassumeva la sua esperienza come poetessa. Ora siamo arrivati a scambiare due parole con Eva H-D che all’anagrafe risponde al nome di Eva Haralambidis-Doherty. Oltre a rispondere alle nostre domande si è anche cimentata nella composizione di risposte-haiku direttamente in italiano che troverete alla fine dell’intervista.

“Rotten perfect mouth” è la tua prima raccolta di poesie. Raccontaci qualcosa di lei.
Il libro ha una fotografia sulla fronte della copertina che ritrae una ragazza chiamata Yvonne la cui casa bruciò in un incendio diversi anni fa. Era solita dire al fotografo, mentre beveva da una lattina di bevanda gassosa dietetica, “le persone mi chiamano sempre ‘Wye-vonne’. Ma quello non è il mio nome”.

Chi riconosci come tuoi maestri? Quale autore ti ispira maggiormente quando scrivi?
Questa è una buona domanda, e magari se io stessa fossi un maestro, sarei in grado di risponderti al meglio.

Hai vinto il Montreal International Poetry Prize. Quanto cambierà la tua vita ora?
La mia vita è già cambiata perché ora io a) sono ricca e b) sono consapevole che ci sono queste cose di pergamena lunghe mezzo metro stampate a rilievo con poesie usando macchine da stampa dell’era William Lyon Mackenzie e che stanno attaccate ai loro muri. Ho visto diversi di questi oggetti nel mio recente viaggio verso Montreal. Meraviglioso.

Eva-H.D

Che cosa significa, per te, scrivere poesie?
Non ho ancora capito cosa sia esattamente una poesia, ma qualunque cosa essa sia, di solito mi piace. È come un uomo in costume da bagno. Qualche volta vedere qualcosa del genere può cambiare la tua giornata, e altre volte potrebbe essere spiacevole, brutto, nauseante. Qual è la differenza tra un uomo in costume da bagno e un uomo che, usando solamente l’intimo, è emerso dal mare? Nessuno sembra saperlo per certo. Io so che cadere da una barca mentre indossi un paio di Levi’s non trasformerà i tuoi 501s in calzoni da bagno.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Sto traducendo un romanzo di Vassilis Alexakis in inglese. Il motivo è che il libro è assolutamente affascinante dall’inizio fino alla fine, questo lavoro di scavo è un piacere non del tutto mitigato.

—–

Risposte con haiku in pseudo-italiano:

Città natale,
uomini con gli occhi
come noci.

Ogni settembre
celebrò il compleanno
di Leonard Cohen.

Può promulgare
leggi, come Murphy
ragazzo d’oro.

Si, ho mangiato
la pasta puttanesca
a mezzanotte.

Di trovare le
parole inglese ne
la bocca greca.

Mendes Biondo
(Giornalista)
Il libro di Eva è acquistabile al link: http://mansfieldpress.net/2015/03/rotten-perfect-mouth-2/

Un pensiero su “Intervista a Eva H-D vincitrice del Montreal Prize

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...