I grandi del fumetto all’asta con Urania a Lucca

237

Ci sono piccole realtà in crescita nel settore del fumetto d’autore, dalle case editrici ai disegnatori in erba. Ma per quanto riguarda i memorabilia di prestigio? Da alcuni anni a questa parte la Casa d’Aste Urania si prefigge l’obiettivo di riuscire nell’impresa da un lato economica e dall’altro culturale di divenire un punto di riferimento per la compravendita di tavole fumettistiche.

Tra gli appuntamenti in calendario per quest’anno c’è quello di venerdì 30 ottobre presso la Domus Romana di Lucca (via Battisti 15), in concomitanza con il “Lucca Comics”, una delle più importanti manifestazioni di settore.

135

Sono 370 i lotti proposti ad appassionati e collezioni che spaziano dai lavori dei grandi maestri storicizzati del panorama artistico internazionale fino alle opere dei giovani talenti nostrani, passando per alcune pagine di rara bellezza e intensità. Alle illustrazioni e alle reclam dei primi del Novecento sono affiancate le eroine dell’universo erotico di matite d’eccezione, quali quelle di Crepax che darà dimostrazione di tutto il suo ipnotico erotismo artistico non soltanto con la bella Valentina, ma anche con una matita e china datata 1974, Anita – Una storia possibile, dove la protagonista del racconto si trova letteralmente a copulare e a godere con un apparecchio televisivo. Oltre a questo grande maestro vi saranno in asta anche Serpieri, le strisce di vari periodi, i cartoons e i personaggi Disney, gli originali di copertina di libri e di locandine cinematografiche, nonché un nucleo di animali di Andrea Pazienza – un vero e proprio Bestiario in bianco e nero – e di bozzetti parigini della Belle Époque per costumi teatrali.

159

Alla sessione di ottobre, però, non mancheranno anche Magnus, Milo Manara e Tanino Liberatore con il suo spregiudicato Ranxerox, oltre a Vittorio Giardino e all’indimenticabile Benito Jacovitti.

Tra i tantissimi che verranno battuti all’incanto si ricorda infine la presenza di un suggestivo acrilico su tela firmato da Sergio Cavallerin nel 2012 intitolato “Dov’è Milou?” che in una vorticosa rappresentazione spaziale duplica all’inverosimile il personaggio di Tin Tin. Solo un occhio attento riuscirà a individuare al primo sguardo l’unico cagnolino – Milou appunto – “nascosto” sulla tela sulla quale è riprodotto e fissato in argento.

137

Anche il catalogo è un prezioso oggetto da conservare in quanto già solo la cover è dedicata a un pezzo di grande valore e rarità: uno splendido ritratto di Corto Maltese realizzato dal suo celebre creatore – Hugo Pratt – nel 1980 e riemerso all’attenzione dei collezionisti dopo una querelle giudiziaria che ne ha decretato la notevole importanza. Un pastello, china e acquerello su cartoncino che partirà da una base d’asta di 35mila euro. Gli estimatori di Pratt troveranno in questo appuntamento, inoltre, due interessanti tavole degli anni Sessanta, Leggende indiane e L’ombra.

Il catalogo è integralmente visionale e scaricabile in maniera gratuita dal sito Internet della casa d’aste www.uraniaaste.com dal quale è anche possibile seguire l’asta in diretta e inoltrare offerte attraverso alcune piattaforme dedicate.

Mendes Biondo
(Giornalista)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...