“Walnut Tree Walk” di Dalila Porta

COPERTINA WTW2

Il romanzo che RAMINGO! va a recensire oggi si districa attraverso la delicata storia di un bambino che subisce ripetute violenze sessuali da piccolo e che, raggiunta l’età adulta, improvvisamente scompare. Le violenze sconvolgono la vita di tante persone oltre quella del protagonista, che si chiama Walnut.

Walnut Tree Walk è un libro che dialoga molto bene con il silenzio e tutto ciò che vi è legato. Il personaggio principale ha un’infanzia silenziosa fatta di azioni e poche parole, nel silenzio è relegato il migliore amico di Walnut per via del suo mutismo, nascosti nel silenzio restano i fatti avvenuti tra Walnut e il cugino, e senza dire una parola scompare lo zio dopo aver saputo, meglio dire aver visto, ciò che il proprio figlio faceva al nipote.

Lo stile narrativo di Dalila Porta è molto fresco ed immediato. La caratterizzazione dei personaggi avviene attraverso l’uso di un linguaggio semplice, legato al mondo della tradizione orale più che a quello maggiormente ricercato della narrativa. Il romanzo è come se si trasformasse in una lunga chiacchierata tra il narratore degli eventi e il lettore con l’unica riserva che ogni tanto il narratore deve dismettere i panni di cantastorie per incarnarsi profondamente nella storia e vivere momenti felici e tristi assieme agli altri, in particolar modo assieme all’eroe di cui narra, ossia Walnut.

11898877_970502529668406_7660084362412067346_n(1)

Il tema principale, quello della violenza domestica, viene trattato e raccontato con leggerezza, viene servito al lettore con parole semplici, quasi si stesse chiacchierando del più e del meno, caratteristica questa che non svaluta affatto il romanzo ma anzi ne da una maggiore facilità di lettura e approfondimento.

I personaggi hanno tutti nomi o nomignoli che li estraneano dalla realtà, sembrano essere più delle maschere goldoniane che delle persone in carne ed ossa anche se quanto compiono, pensano e dicono fa parte di ciò che accade nella quotidianità di ognuno di noi. Sono personaggi in carne ed ossa che indossano una maschera grottesca al solo fine di non venir riconosciuti da chi li conosce ma sono umani, troppo umani.

Mendes Biondo
(Giornalista)

Il libro è acquistabile su: http://www.lafeltrinelli.it/ebook/dalila-porta/walnut-tree-walk/9786050402605

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...