Deep Diversity – Affrontare la problematica del “noi e gli altri”

Deep Diversity

I fatti avvenuti a Parigi sono semplicemente la punta dell’iceberg di una serie di comportamenti che dimostrano la palese avversità che si viene a creare spesso tra l’idea di “Noi” e quella di “Altri”. Dal punto di vista filosofico sono stati gli studi di Paul Ricoeur e Emmanuel Levinas ad approfondire la tematica del conflitto tra l’io e l’altro mentre a livello strettamente scientifico possiamo ricorrere al testo – di fresca pubblicazione – di Shakil Choudhury, pubblicato dalla Between the Lines Press, educatore e consulente che ha alle spalle più di vent’anni di esperienza nel campo dello studio della diversità, equità e inclusione.

Il saggio Deep Diversity arriva, pertanto, da una penna autorevole dato che a livello internazionale è riconosciuto per aver creato progetti per la costruzione di pace per comunità in conflitto, specialmente in Europa e Sud America.
La domanda di riferimento che apre le danze al testo è “che cosa succederebbe se le nostre interazioni con coloro che sono diversi da noi fossero fortemente influenzate dalle cose che accadono nel raggio della nostra coscienza?”. A partire da ciò si sviluppano una serie di considerazioni che sviluppano l’argomentazione “noi contro loro” come una sfortunata ma normale parte dell’esperienza umana sia a causa della nostra natura che a causa della nostra nutrizione.

Per riuscire veramente a lavorare sulle nostre differenze razziali e per raggiungere livelli maggiori di accettazione ed inclusione sociale, è necessaria una maggiore conoscenza della mente umana, sia dal punto di vista del conscio che dell’inconscio. Deep Diversity riesce a raggiungere il proprio obiettivo grazie all’uso di un approccio più umano al problema, senza scadere nel banale, che aiuta i lettori ad identificare i loro problemi e offre consigli pratici per rompere le abitudini del pregiudizio che ci sono state insegnate da che eravamo bambini, così da combattere la discriminazione sistemica.

L’autore di Toronto nella sua ultima fatica raccoglie vent’anni di esperienza in un testo che ha al suo interno interviste con ricercatori negli ambiti delle neuroscienze sociali, delle malattie del subconscio, della psicologia generale e dello studio sulla consapevolezza.

Mendes Biondo
(Giornalista)

Il libro è acquistabile al link https://btlbooks.com/book/deep-diversity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...