Diario di una scrittrice pt.2 – Fantasylandia esiste!

12970104_10206362361474009_363597509_o

segue dalla prima puntata

Panta Rei, tutto scorre, e mentre attendo, con una certa trepidazione, l’eventuale risposta degli editor di Bookabook controllo giornalmente le e-mail. Una sorpresa inaspettata mi coglie nel ricevere la proposta di una casa editrice alla quale avevo inviato, un paio di mesi prima, un romanzo di genere storico. Leggo con malcelata emozione, ma subito mi raffreddo: mi propongono di acquistare cinquanta copie del mio testo a prezzo scontato, poi inseriranno il libro nel loro catalogo in attesa che qualcuno, nel Mare Magnum della rete si ispiri a ordinarlo.

Immediatamente chiedo che tipo di distribuzione abbiano e se faranno qualche tipo di promozione, ma la risposta è seccata , quasi infastidita. Mi chiedono perché io mi sia rivolta a loro se non mi fido, perché pretenda queste specifiche e che, d’altro canto, ora funziona tutto così, che chiedere di più voglia dire vivere a Fantasiland (sic).

Chiudo gli occhi e penso al telefilm della mia infanzia. Fantasyland, questa la scrittura corretta, era una bella storia, ma sono una persona concreta che vive nel presente e che sa che il suo prodotto è di qualità. No, comprare cinquanta copie non fa per me.

12939232_965225223597052_62915391_n

Passano altri giorni velati di amarezza. L’essere stata trattata così aspramente non è stata una cosa simpatica e mi ha persino fatto dimenticare Bookabook. Ed è in uno di quei momenti, quando ero piuttosto sconfortata, che mi arriva la loro risposta positiva. Attenzione, non entusiasta, positiva, perché sono professionisti seri e non hanno mandato una proposta descrivendo lodi sperticate per poi propormi contratti capestro.

Mi chiedono di inviargli il testo completo, è il secondo passo, devono leggere il romanzo per intero e valutare quanto ho presentato nella prima mail.

Invio il testo e attendo ancora. Sono già più sollevata.

Dopo una decina di giorni, infine, vengo contattata da una gentilissima editor che chiede il mio numero di cellulare e di fissare un appuntamento. È cortese e non fa pressione su scadenze o “occasioni da non perdere”. Le scrivo che per lavoro ho solo certi momenti per poter essere contattata e lei fissa un appuntamento telefonico adeguato: dobbiamo parlare con calma e delineando ogni passo.

12910319_965225230263718_1636086742_n

Parliamo tranquillamente, mi spiega i vari passaggi, il tipo di contratto, la cessione dei diritti e la percentuale sulle vendite. Mi spiega chiaramente che verrà aperta una campagna di crowfounding ovvero la ricerca di sostenitori al progetto e che solo in caso di raggiungimento della quota di prevendite si comincerà la fase di pubblicazione. La loro distribuzione è molto buona e gli autori hanno sempre delle segnalazioni di merito nella scelta dei librai affiliati.

La cosa più importante, specifica, è che non sono assolutamente interessati all’auto acquisto. Per loro un autore che compra le sue stesse copie è un fallimento, un punto di demerito. Si focalizzano solo su romanzi che possono avere un buon pubblico, che hanno un margine forte di richiesta e che possono essere successivamente distribuiti su larga scala.

12948319_10206362364594087_1193664091_o

Molto di ciò che la signorina dice già lo conosco perché sul loro sito, per massima trasparenza, viene già indicato un contratto standard in modo che chi propone sappia già esattamente di cosa si tratti.

Le istruzioni sono semplici per cominciare: serve una foto dell’autore, una sorta di “copertina” del romanzo, un po’ di curriculum e i link di eventuali profili pubblici o siti personali.

Parliamo anche di un eventuale booktrailer, perché no? Può essere utile se fatto con criterio.

Accetto e mi imbarco verso questa nuova avventura, verso una Fantasyland meno remota, fatta di professionisti e di serietà.

A presto con l’ultima parte di questo diario di viaggio.

Linda Lercari

Per avere maggiori informazioni su Bookabook potete cliccare sul link www.bookabook.it 

Banners remixed with Creative Commons contents and images. Credits as follow:

– 1430203001_a04d1d721e_b Credits PeteSwede
– Gangster Virgin Mary, Credits:sirtom246 [http://sirtom246.deviantart.com/art/Gangster-Virgin-Mary-140751215]

Un pensiero su “Diario di una scrittrice pt.2 – Fantasylandia esiste!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...