Dendronaturalismo – Una mostra a San Benedetto Po per conoscere l’arte degli alberi da vicino

Locandina S. Benedetto (2).jpg

Il Dendronaturalismo di Giuseppe Rossi arriva a San Benedetto Po alla Galleria Zanini per far conoscere al pubblico mantovano il lavoro e la poetica dedicata al tema degli alberi sviluppata in anni di ricerche, dal pittore di Soriano sul Cimino. Un’esposizione personale che raccoglie i pezzi più importanti della produzione del Rossi e che resterà a disposizione del pubblico a partire dal 20 Novembre e che si protrarrà fino all’8 Gennaio 2017.

omaggio-a-matta

Assieme all’artista converserà il critico Gianfranco Ferlisi che di lui scrive: «È la percezione dell’oltre, rivelato dagli intrecci cromatici dei  dettagli dei tronchi contorti di Giuseppe Rossi, a far emergere immediatamente il nesso fra natura, pittura e cultura. È il salutare eclettismo del postmoderno a condurre l’autore alla ricerca di soluzioni allusive di una rappresentazione che diventa altro da ciò che avrebbe potuto descrivere.  Perché sulla tela il tronco nodoso della corteccia cinerea dell’ulivo, i miracoli botanici dei tronchi centenari aggrovigliati e incurvati, le forme che sulla loro scorza paiono assumere le conformazioni di strane escrescenze tumorali, di dorsi squamosi, di cicatrici malamente guarite, di asprezze da mutilazioni belliche, fanno spiccare il volo dell’immaginazione. E la pittura, nata nel colonnato di lignei templi apocalittici, negli anfratti di castagni grandi come cattedrali, realizza l’inevitabile iato tra il vedere e il sentire, per portare in scena un concetto di natura riletta e filtrata da una solida cultura artistica e da una bizzarria arcimboldiana scaturita come da un personale grembo di energie inespresse, quelle che l’artista rivela tramite la materializzazione dell’immagine. […]

E la scorza dei tronchi si allontana (quasi scompare): perché l’impulso espressivo, dalle topografie delle cortecce rugose e nodose, distilla immagini autonome, tra minimi accenni di descrittivismo e sottili orizzonti di nastri cromatici che si agitano nello spazio, quasi volessero farsi beffe nel rammentare (ma solo per piccoli cenni) la distanza da una troppo astrusa pittura analitica. E le linee del colore che rimandano alle cortecce assumono un ritmo franto, a rispecchiare la forma frammentata e interrotta di quelle superfici dense di squarci. Ne nasce un ibrido cortocircuito tra la forza narrativa del segno e di un colore che possiede l’umiltà della tavolozza di Carlo Levi mentre la seduzione delle essenze di figurazione ci porta molto oltre agli orizzonti d’ispirazione, verso un sentiero percorso tra accenni di astrazione e reinvenzione dell’elemento naturalistico…»

il-buco-al-centro-del-mondo

RAMINGO! ha così il piacere di vedere esposto in territorio mantovano un artista del quale aveva precedentemente pubblicato il Manifesto del Dendronaturalismo e che, per chi non avesse ancora avuto modo di conoscere, presenta ora una breve biografia per approfondire il personaggio artistico.

vortice-olio-su-tela-80-x-110-2015

Giuseppe Rossi nasce a Roma nel 1958. Oggi  vive a Soriano del Cimino in provincia di Viterbo  dopo aver vissuto per anni a Manziana dove si affaccia alla pittura giovanissimo. Precocemente iniziano le prime esperienze espositive. A vent’anni, nel 1978, ordina la sua prima personale a Soriano nel Cimino. Frequenta, successivamente, l’Accademia di belle Arti di Viterbo. Nel 2010 fonda il “Dendronaturalismo”. Ha esposto, nel corso della sua carriera, in molte città d’Italia: Roma, Torino, Forlì, Firenze, Arezzo, Spoleto, Carrara, Viterbo, Amelia, Bomarzo, Porto Cervo, Arco di Trento, Marina di Pietrasanta, Durazzo (Albania), Miami (USA)…Recentemente, nel 2011, partecipa alla biennale di Firenze dove gli viene tributato un importante riconoscimento da parte della giuria internazionale. Partecipa anche alla biennale di Durazzo in Albania ed è invitato a varie e importanti collettive. A Spoleto si mette in evidenza col supporto del critico Giammarco Puntelli , alla Triennale di Roma con Achille Bonito Oliva, …È poi protagonista all’Affordable Art Faire, al MACRO di Roma, al Museo di Villa Vecchia a villa Doria Pamphili Roma, è presente allo Euart – Spectrum Art Basel Miami USA, partecipa alla prima Biennale Internazionale di Roma… È presente nei cataloghi Mondadori e nella 50° edizione del CAM (catalogo dell’Arte Moderna). Dal 2010 fa parte della Galleria Astrolabio di Roma, dal maggio 2014 collabora con la galleria Orler Style Channel, Affordable Art Point.

Un pensiero su “Dendronaturalismo – Una mostra a San Benedetto Po per conoscere l’arte degli alberi da vicino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...