Scarti – La letteratura recuperata da Giuseppe Marcenaro

Cattura.JPG
Il libro passato per le mani di Napoleone nei giorni dell’esilio a Sant’Elena, le golosità di cui era ghiotto Leopardi durante il fatale soggiorno napoletano, i segreti che cela una cambiale di fine Ottocento firmata da Gabriele D’Annunzio: questi e moltissimi altri frammenti di esistenza sono custoditi in lettere, scarabocchi, dediche, biglietti da visita, vecchie foto in bianco e nero, foglietti sparsi, bustine del tè e quant’altro subisca la sorte di essere considerato uno scarto.

L’eccedente di cui si pensa sia meglio liberarsi per non trovarsi poi sommersi da spazzatura, o che semplicemente si butta via, senza nemmeno pensarci su, diventa in
Scarti oro grezzo, materia prima grazie alla quale incantare il lettore in un viaggio sentimentale, stravagante, che non teme il voyeurismo, nelle peripezie del ricordo. Lo sguardo di Giuseppe Marcenaro, che di questo divertissement letterario è l’autore, come il tocco di Re Mida salva dall’oblio e riporta alla luce, affascinandoci, sottilissime trame di vite, famose e non, risalenti a un passato non troppo lontano dal nostro presente. Come un graffio, il suo stile pungente libera dalle croste degli anni e fa parlare con ironia spesso impietosa quelli che solo all’apparenza sono frammenti muti; minutaglie che sono trama e
ordito della nostra storia.
Giuseppe Marcenaro è nato a Genova. Tra i suoi libri si ricordano Cimiteri, Testamenti, Una
sconosciuta moralità. Quando Verlaine sparò a Rimbaud, Wunderkammer, Daguerréotype.
Il libro sarà disponibile a partire da Febbraio al link http://www.ilsaggiatore.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...