L’ombra di cenere – Delicatezza e forza del Giappone del 1300

L-ombra-di-cenere-eLit1_hm_cover_big.jpg

Il Giappone non è soltanto un’isola. È un intero universo da scoprire e da studiare con attenzione per non finire coinvolti nell’ennesimo pregiudizio culturale che lo avvolge. Si sono stratificati imperi, culture, dinastie, letterature e quanto più si possa aggiungere ad una realtà complessa e profonda situata nell’est ideologico e non solo della nostra mente.

C’è chi ha provato a distillare tutto ciò all’interno di un romanzo e lo ha fatto con la bravura di chi, prima di mettersi a scrivere, decide di studiare e approfondire la tematica desiderata. Lei è kendoca, è amante della cultura giapponese e di tutto quello che ha a che fare con la disciplina e l’arte nipponica. L’abbiamo già incontrata in altri lavori ma questo è decisamente qualcosa di diverso.

Stiamo parlando del romanzo di Linda Lercari, intitolato “L’ombra di cenere” e pubblicato con la casa editrice E-Lit della Harper Collins. Un salto qualitativo e di genere che non ci saremmo mai aspettati da una penna tanto austera e dedita a ben altro rispetto a questo genere letterario. Eppure la vita ci porta a ricrederci su tante cose. In questo caso siamo di fronte ad un romanzo che mescola amore e morte, nella più classica delle tradizioni, senza dimenticare l’aspetto “demoniaco” che questo sentimento si porta dietro.

Una storia travagliata ed in parte dedicata ad un vissuto personale che va ad arricchire di ulteriori sfumature tutto quello che è la narrazione che passa al lettore. Un centinaio e poco più di pagine che nascono dalle ultime parole di Haka e che vanno a ripercorrere un’intera vita. Qualcosa che somiglia, come struttura a flash back continui, a Quarto Potere mentre le ambientazioni sono localizzate da tutt’altra parte e in tutt’altro periodo. Siamo infatti in Giappone in quello che gli storici identificano come Periodo Kamakura, anno 1330, per gli amanti dei dettagli storiografici. Tutto parte da un enigma, un ideologico lucchetto da aprire per conoscere le sorti di un’intera vicenda

Solo attraverso queste ultime parole Momokushi decide di mettersi alla ricerca del significato di queste parole ripercorrendo la storia dell’amicizia con l’amico e guerriero, attraverso un viaggio tanto temporale quanto spaziale. Una sola cosa potrebbe essere di fastidio per il lettore medio: i giapponismi. Questo romanzo abbonda di parole prese in prestito direttamente al lessico nipponico che se da un lato impreziosiscono la narrazione, dall’altro rischiano di allontanare un pubblico che non è abituato a leggere qualcosa di così selettivo e approfondito.

Una storia d’amore, dicevamo, che ne mette in luce il suo aspetto più demoniaco e profondo, che rievoca la sua relazione strettamente legata alla dimensione più mistica che carnale. Una sorta di Medea che si aggira per le pagine di una storia che non ammette errori, esattamente come la disciplina dei samurai impone.

Mendes Biondo

Il romanzo è acquistabile al link https://www.harpercollins.it/eLit/eBook/Historical/L-ombra-di-cenere-eLit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...