L’infinita curiosità – Breve viaggio nella fisica contemporanea con Vincenzo Barone e Piero Bianucci

L'infinita curiosità.jpg
Dalle onde gravitazionali ai neutrini, dai buchi neri alle particelle subnucleari, passando per le strutture e le forme della materia: un breve e avvincente viaggio tra l’immensamente grande e l’estremamente piccolo, con qualche sosta nel profondamente medio.

Nel corso del Novecento, due formidabili teorie fisiche, la relatività e la meccanica quantistica, hanno rivoluzionato la nostra visione del mondo, ampliando i confini dell’Universo noto, nell’immensamente grande e nell’estremamente piccolo.
Percorrendo i gradini della scala cosmica, tra simmetrie e paradossi, ipotesi e osservazioni, L’infinita curiosità offre una panoramica dei temi più affascinanti della fisica contemporanea e dei suoi protagonisti. Una narrazione rigorosa ma allo stesso tempo coinvolgente, arricchita da splendide immagini, ci condurrà fino alle frontiere delle attuali conoscenze. Potremo andare oltre?
L’avventura della ricerca continua ed è raccontata nelle pagine di questo libro. Gli autori, un fisico e un divulgatore, ci accompagnano in un viaggio su e giù per l’Universo, dal grande al piccolo, dalle parti al Tutto. Punti di riferimento lungo il percorso sono le scoperte di Tullio Regge, uno degli scienziati più creativi dell’ultimo secolo. Regge riteneva che il cammino verso l’immenso, il minuscolo e il profondo non avesse fine… proprio come la curiosità umana. Il libro sarà di supporto alla mostra L’infinita curiosità che si terrà a Torino presso l’Accademia delle scienze dal 22 settembre 2017 al 18 marzo 2018.
Vincenzo Barone insegna fisica teorica all’Università del Piemonte Orientale ed è socio dell’Accademia delle Scienze di Torino. Fa parte del comitato scientifico di «Asimmetrie», rivista dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Collabora con «Il Sole 24 Ore – Domenica» e «Sapere». Tra i suoi libri: L’ordine del mondo (2013), Albert Einstein. Il costruttore di universi (2016), La matematica della natura (con Giulio Giorello, 2016).

Piero Bianucci è uno dei più noti giornalisti scientifici e divulgatori italiani. Creatore del supplemento «Tuttoscienze» de «La Stampa», dirige attualmente la rivista «le Stelle». L’International Astronomical Union gli ha dedicato il pianetino 4821. Tra i suoi libri: Storia sentimentale dell’astronomia (2014), Vedere, guardare. Dal microcosmo alle stelle, viaggio attraverso la luce (2015).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...