Lost In Translation – Damian Rucci

35329609_10216421053502073_6948258818564292608_n.jpg

Una delle cose che più mi piace di Lost in Translation è che posso incontrare molti autori di talento e le loro voci interiori. Queste poesie che leggerete suonano come una nuova forma di epica per me, quella della strada. Queste cinque poesie sono state scritte da Damian Rucci. A volte potete trovare versi grezzi e difficili, a volte pensieri dolci e profondi provengono dalle parole. Ovunque, troverete la strada – madre di tutti i poeti e artisti – che vi aspetta per una lunga passeggiata su sentieri sconosciuti. Spero che possiate godervi queste poesie tanto quanto ho fatto mentre lavoravo alla loro traduzione.

One of the things I mostly like of Lost in Translation is that I can meet with a lot of talented authors and their inner voices. These poems you’re going to read sound like a new form of epic to me, the street one. This five poems are written by Damian Rucci. Sometimes you can find rough and tough verses, sometimes sweet and deep thoughts come from the words. Everywhere, you’ll find the street – mother of all poets and artists – awaiting your feet for a long walk down unknown paths. I hope you’ll be able to enjoy them as much as I did while working on their translation.


Softcore Porn Never Sounded Like This

I haven’t had phone sex since 2005
when Kay stopped calling me
from Canada.

She was three times my age
but she didn’t care —

she was going to come
to the States and make
a man out of me

once the chemo
stopped and she could
walk again.

Kay said men her age
wouldn’t give a woman
in a wheelchair a chance

While boys and girls
were coupling up

in dim-lit gymnasiums
swaying to hits from the 80s

I was stroking
my half limp prick

to her purring to me
things I didn’t understand
and now can’t remember

Clenching my eyes shut
trying to conjure images

of what a vagina could look like
because the soft-core porn
commercials on channel 69

didn’t show anything below the waist.

Like a drunken buffalo

I would thrash around my sheets
with my member in my hand
dancing along with her words
with each slap of hand

on flesh

When we would finish

I would slap my knees together
drunk off a cocktail of regret
shame, and exhilaration

say goodbye to Kay from Canada
pull my waistband over my navel
and slide down to the floor

so I could play with my action figures
before bedtime.

Il porno softcore non ha mai suonato in questo modo

Non ho fatto sesso telefonico dal 2005
quando Kay ha smesso di chiamarmi
dal Canada.

Lei era tre volte la mia età
ma non le importava –

lei stava per arrivare
negli States e fare
di me un vero uomo

una volta finita
la chemio e lei poteva
tornare a camminare ancora.

Kay diceva che gli uomini della sua età
non darebbero ad una donna
su una sedia a rotelle una possibilità

Mentre i ragazzi e le ragazze
si accoppiavano

in palestre poco illuminate
trastullandosi con i successi degli anni ‘80

Io stavo strozzando
il mio cazzo mezzo floscio

per lei che mi diceva facendo le fusa
cose che non capivo
e ora non riesco a ricordare

Tenendo i miei occhi ben chiusi
provando ad evocare immagini

di come sarebbe stata una vagina
perché le pubblicità di porno softcore
sul canale 69

non facevano vedere nulla al di sotto della vita.

Come un bufalo ubriaco

vorrei inzozzare le mie lenzuola
con il mio membro nella mano
danzando assieme alle sue parole
ad ogni colpo di mano

sulla carne

Quando avremo finito

mi sarei preso a schiaffi le ginocchia
ubriacato da un cocktail di rimorso
vergogna, ed euforia

dico arrivederci a Kay dal Canada
stringendo la mia cintura sopra il mio ombelico
e scivolando sul pavimento

così da poter giocare con i miei pupazzetti
prima di andare a letto.


Sons of Twilight

between the hours of eleven at night
and eight in the morning
i aint no poet
i am a third shift worker,
i am a nine digit punch code
i am another lost soul biding time
at a suburban grocery store
but sometimes i feel it’s worth
feeling good about
the food for the neighborhood
doesn’t just appear on the shelf
it’s put there by the sons of twilight
the time biders the dropouts the dreamers
the hungry

Figli del Crepuscolo

tra le undici della notte
e le otto del mattino
non sono un poeta
sono un lavoratore del terzo turno,
sono una punzonatrice a nove cifre
sono un’altra anima perduta che aspetta il tempo
in un negozio di alimentari di periferia
ma qualche volta sento che vale la pena
sentirsi bene per
il cibo del quartiere
che non appare semplicemente sullo scaffale
è messo lì dai figli del crepuscolo
quelli che attendono il tempo gli abbandonati i sognatori
gli affamati


Peace

it’s the fifth day Nick has talked about his grass
every morning after work he spends four hours
planting seeds trimming hedges catching sunshine
between deep gulps of budweiser

every hour that passes in the yard
is tagged with the aluminum crunch
of beers hitting the plastic garbage can

he’s forty-two now
kids all grown wife a prisoner
beside him in a marriage that is more
convenience than anything else

he remembers the weight of his shoulder pads
the screams from the bleachers
beneath the friday night lights
the way grass gives under cleated foot

he’s forty two now
another twenty three years before retirement
til’ he can take his boat out and let his wife
take whatever she wants

sometimes peace comes in a leather ball
a blade of grass a can of beer
a clenched fist

Pace

è il quinto giorno che Nick ha parlato della sua erba
ogni mattina dopo lavoro passa quattro ore
piantando semi potando siepi prendendo la luce del sole
tra profondi sorsi di budweiser

ogni ora che passa nel cortile
è scandita dallo schiocco dell’alluminio
delle birre che colpisce il secchio della spazzatura di plastica

ha quarantadue anni ora
figli cresciuti moglie prigioniera
accanto a lui in un matrimonio che è più
convenienza che qualsiasi altra cosa

lui ricorda il peso del suo paraspalle
le urla che provenivano dagli spalti
sotto le luci del venerdì
il modo in cui l’erba cede sotto il piede con i tacchetti

ha quarantadue anni ora
ancora trentatre anni prima della pensione
quando potrà tirare fuori la sua barca e lasciare sua moglie
fare qualsiasi cosa lei voglia

a volte la pace arriva in una palla di cuoio
in un filo d’erba in una lattina di birra
in un pugno chiuso


Antares

It could all be from the drugs
But I think we found innocence
Tonight in the parking lot
In front of your house
Watching the Antares rocket
from your phone become
a shooting star across the Jersey sky
we waived to the spaceship
becoming alien in the cassiopeia
of autumn lights.
I think of my youth, chasing daylight
Along the beaches of the Bayshore
your smile reminds me of then
and I think maybe home
isn’t a place but a series of moments
when you feel less alone

Antares

Potrebbe venire tutto dalle droghe
Ma penso che abbiamo trovato l’innocenza
Questa notte nel parcheggio
Davanti alla tua casa
Guardando il missile Antares
dal tuo telefono diventare
una stella cadente che passa il cielo di Jersey
abbiamo rinunciato alla nave spaziale
diventando alieni nella cassiopea
delle luci autunnali.
penso alla mia gioventù, che insegue la luce del giorno
Lungo le spiagge di Bayshore
il tuo sorriso che mi ricorda di allora
e penso che forse casa
non è un posto ma una serie di momenti
quando ti senti meno solo


Poets Like Us

There are poets
whose poems are written on dollar bills
whose parents bought them a degree in Iowa
whose good looks fill workshops in Manhattan

There are poets like us
who chase America —
whose poems are written from dirty fingers
who smoke dope on the roofs of bars
counting the hundreds of Missouri stars
who chase down despair
with cheap bear and laughter

Who carve the American highways
with tire treads
who read to basement dwellers
in small town Kansas
who breath American
not football on Sunday’s American
not bombs in the Middle East American
not Trails of Tears American
but the America that Whitman breathed
that Emerson that Twain
that Dickinson that Angelou —
the America that Kerouac searched for

There are poets who die forgotten
whose words become symphonies in the wind
whose heart beats become our rhythm
whose books sit on shelves waiting
for lost poets to find them in corner bookstores
whose spirits become our ethos
whose names we can’t remember
and this is the future we share
even Neal Cassady died alone
on those railroad tracks

II

Along the highways of mother America
hidden from cool glow of strip mall America
shunned from the university America
there are poets who read poems to strangers
& friends & other lost souls
& those nights are dirty & holy & inspiring
& the street poets search for the truth
between each line of poetry sung
into the microphone bled into the page
their doctrines are in the manifestos
of the gas station bathroom walls
the soul graffiti of the wayward
bustards drifting West past the Mississippi
in pursuit of cheap rent and peace
with nothing but hope in their bellies
& words in their head
Somewhere in Blue Springs, Missouri
Jason Baldinger tells me it’s about the road

the books will sell
& sometimes they don’t sell
but it’s about the adventure between the stops
the drives through Kansas blasting Jazz
the faces along the back roads of America
it’s about the poetry you can find out there
the poetry that needs to be found

III

Outside of a Waffle House on the highway
Shawn Pavey reads us a poem
about Waffle House
we laugh in the parking lot
smiling as the lone moon
grows full above the clouds
we wave goodbye too soon

the adventure is over by the morning
we will head back to our home & our jobs
but the road will keep on moving
the sun will rise and set
behind strange landscapes
there are easier paths in this life
there are jobs that trade the human spirit
for credit cards & jewels

but the street poet is born to be outside of it all
born to take to the streets with poems in hand
born to follow the vagabond sunset to its coast
& I can feel this in my bones

Poeti come noi

Ci sono poeti
le cui poesie sono scritte su banconote da un dollaro
i cui genitori gli hanno comprato una laurea in Iowa
il cui bell’aspetto riempie i workshops a Manhattan

Ci sono poeti come noi
che inseguono l’America —
le cui poesie sono scritte da dita sporche
che fumano droga sui tetti dei bar
che contano le centinaia di stelle del Missouri
che inseguono la disperazione
con birra economica e risate

Che scavano le autostrade americane
con i battistrada dei pneumatici
che leggono agli abitanti di un seminterrato
in una piccola città di nome Kansas
che respirano Americano
non il football sul Sunday’s American
non le bombe nel Medio Oriente Americano
non l’Americana Trails of Tears
ma l’America che ha respirato Whitman
che Emerson che Twain
che Dickinson che Angelou —
l’America che Kerouac ha cercato

Ci sono poeti che sono morti dimenticati
le cui parole sono diventate sinfonie nel vento
i cui battiti del cuore sono diventati il nostro ritmo
i cui libri restano sugli scaffali ad aspettare
che poeti persi li trovino negli angoli delle librerie
i cui spiriti diventano il nostro modo di vivere
i cui nomi non possiamo ricordare
e questo è il futuro che condividiamo
persino Neal Cassady è morto da solo
su quei binari di ferrovia

II

Lungo le autostrade di madre America
nascosti dal fresco bagliore dei centri commerciali America
evitati dalle università America
ci sono i poeti di cui ho letto le poesie a degli sconosciuti
e amici e altre anime perse
e quelle notti erano sporche e sante e ispirate
e i poeti di strada cercavano la verità
in ogni verso di poesia cantata
dentro il microfono sanguinata dentro la pagina
le loro dottrine sono nei manifesti
delle stazioni di servizio sui muri dei bagni
i graffiti dell’anima del ribelle
otarde che migrano a Ovest oltre il Mississipi
in cerca di un affitto economico e pace
con nient’altro che la speranza nelle loro pance
e parole nelle loro teste
Da qualche parte a Blue Springs in Missouri
Jason Baldinger mi ha detto che ha a che fare con la strada

i libri venderanno
e qualche volta non vendono
ma ha a che fare con l’avventura tra le fermate
le corse per Kansas il Jazz distruttivo
i volti lungo le strade secondarie dell’America
ha a che fare con la poesia che puoi trovare là fuori
la poesia che ha bisogno di essere trovata

III

Fuori da una Waffle House sull’autostrada
Shawn Pavey ci legge una poesia
sulle Waffle House
noi ridiamo nel parcheggio
sorridendo alla luna solitaria
che cresce oltre le nuvole
ci salutiamo troppo presto

l’avventura è finita al mattino
noi torneremo alle nostre case ed ai nostri lavori
ma la strada ci farà muovere
il sole sorgerà e tramonterà
dietro a strani paesaggi
ci sono percorsi più semplici in questa vita
ci sono lavori che mercificano lo spirito umano
per delle carte di credito e dei gioielli

ma il poeta di strada è nato per essere fuori da tutto ciò
nato per prendere le strade con le poesie in mano
nato per seguire il tramonto vagabondo fino alla sua costa
ed io posso sentire questo nelle mie ossa


Damian Rucci è uno scrittore e poeta i cui lavori sono recentemente apparsi su Beatdom, Eunoia Review, e scantinati e caffetterie negli Stati Uniti. Damian è l’autore di tre pamphlet, uno con Ezhno Martin intitolato “The Former Lives of Saints” e la sua prima raccolta completa “The Degenerate’s Anthem” uscirà a fine estate per Spartan Press. Ha fondato la popolarissima serie di reading Poetry in the Port nei pressi di Keyport in New Jersey e tiene una rubrica su Street Poetry per il London magazine Public House.

Damian Rucci is a writer and poet whose work has recently appeared in Beatdom, Eunoia Review, and basements and coffee shops across the United States. He is the author of three chapbooks, a split The Former Lives of Saints w/ Ezhno Martin and his first full length The Degenerate’s Anthem is forthcoming late summer by Spartan Press. He founded the wildly popular Poetry in the Port reading series out of Keyport, New Jersey and writes a column on Street Poetry for the London magazine Public House.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...