Lost In Translation – Rob Plath

image1(3)

Lost In Translation ritorna con le poesie di Rob Plath. Qui i lettori italiani possono trovare le opere di un autore che ha saturato la scena letteraria underground con i propri scritti da 25 anni a questa parte. I suoi versi sono forti e asciutti, come il pugno di uno scheletro. Pungenti come l’aria del mattino presto d’inverno e freddi come il ghiaccio che si scioglie dentro ad un bicchiere di whiskey. Non ho altro da dire, semplicemente leggete e godetevi queste grandiose poesie come ho fatto io.

Lost In Translation is back with Rob Plath poems. Here the Italian readers can find the works from an author who has saturated the underground literary scene with his writing for the past 25 years. His verses are strong and dry, as a skeleton punch. Cutting as the winter early morning air and cold as ice melting into a glass of whiskey. I’ve got nothing more to say, just read and enjoy these great poems as I did.

sometimes

the child
in me
shoves
the corpse
w/in aside
to behold
the daisies
smiling in
the sun

qualche volta

il bambino
in me
spinge
il cadavere
interno da parte
per osservare
le margherite
che sorridono nel
sole

untitled

i
am
codependent
on
ghosts

senza titolo

io
sono
codipendente
con i
fantasmi

before you disappeared

when you
were away
for the night
i’d trace
the long
narrow space
yr body
pressed
into yr side
of the bed
never seeing
i was actually
brailling a grave

prima che tu sia sparita

quando tu
eri via
per la notte
io tracciavo
il lungo
spazio stretto
del tuo corpo
premuto
dalla tua parte
del letto
senza vedere mai
che in realtà stavo
scolpendo in brail una tomba

collector

i keep
collecting
my guts
& stuffing them
back inside
but at night
the ghosts
unravel them
& in the morning
they hang like a
bloody noose
off the foot
of the bed

collezionista

continuo
a collezionare
le mie interiora
e a imbottirle
in profondità
ma la notte
i fantasmi
le sbrogliano
e alla mattina
le appendono come un
cappio sanguinolento
ai piedi
del letto

my kind

nobody listens
to the angels
singing inside
a body bag
the most beautiful
black sack music
fuck heaven

il mio tipo

nessuno dà ascolto
agli angeli
che cantano dentro
ad un sudario
la più bella
musica del sacco nero
fanculo il paradiso

Rob Plath è un poeta quarantottenne di New York. Ha pubblicato più di 20 libri. È maggiormente noto per la sua raccolta “UNA SCORPACCIATA DI ANARCHIA” (epic rites press). Rob è stato, un tempo, uno studente di Allen Ginsberg per due anni . Vive da solo con il suo gatto e se ne sta fuori dai problemi. È possibile trovare maggiori informazioni sulla sua opera su www.robplath.com.

Rob Plath is a 48-year-old poet from New York. He has published 20 books so far. . He is most known for his collection A BELLYFUL OF ANARCHY (epic rites press). Rob was once a student of Allen Ginsberg for two years. He lives alone with his cat and stays out of trouble. See more of his work at www.robplath.com.

Mendes Biondo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.