Melandri Live in Florence – Moschin “come se fosse” sempre con noi grazie al Conte Raffaello “Lello” Mascetti e FirenzeArt Gallery

40752335_242594543114126_1551324230056935424_n

Esattamente un anno fa se ne andò l’ultimo degli zingari: Gastone Moschin. Non ci resta che sorridere quando si pensa a colui che venne definito il “signore della commedia all’italiana” per il suo stile e la sua eleganza.

L’architetto inguaribilmente romantico Rambaldo Melandri (letteralmente il ruolo della sua vita) è senz’altro il personaggio a cui deve la massima popolarità, in mezzo a tanti generi e tante interpretazioni sublimi.

40656481_2174826082798239_4603487853572259840_n

Come dimenticarsi l’interpretazione del bieco Don Fanucci nel “Padrino II” del 1974 o quella, nel 1972, dell’ambiguo Ugo Piazza nel celebre noir “Milano calibro 9”, uno dei film capostipiti del genere poliziesco di Fernando Di Leo in cui, al fianco di Moschin, recitavano Barbara Bouchet e Mario Adorf.

40847077_977729979085972_4404171606914498560_n

Da un anno i cinque amici sono di nuovo tutti insieme, in viaggio, così senza una meta, per cercare qualcuno di cui prendersi gioco. Oggi, 4 Settembre 2018, abbiamo voluto che il Melandri si sentisse di nuovo zingaro perché, come diceva lui: “Ehh so’ una sega… ad uno zingaro quando gli gira, gira!”

Così la Pagina Facebook Conte Raffaello “Lello” Mascetti, con la collaborazione di FirenzeArt Gallery hanno pensato di far rivivere il Melandri nei luoghi del film che sono diventati un vero e proprio cult, dalla tomba di Adelina al Bar Necchi, dallo scantinato del Mascetti fino alla farmacia delle compresse di cefalo, storico esercizio dell’Oltrarno fiorentino che oggi purtroppo è ancora a rischio chiusura.

40620377_667338196986105_7661449468188819456_n

Questa divertente e “romantica” serie di scatti fotografici di Diego De Conno e le digisculture a grandezza naturale realizzate da Andrea Tirinnanzi vogliono ricordare Gastone Moschin “come se fosse” sempre con noi grazie all’iniziativa “Melandri Live in Florence”, perché anche se sono passati 43 anni dal primo atto degli “Amici Miei” e 36 dal secondo, entrambe le pellicole sono ancora attualissime e, specialmente a Firenze, si respira tutt’oggi l’amore per i personaggi, per le loro le zingarate e, naturalmente, per le famigerate supercazzole: una poesia del grande cinema che fu.

Grazie mille Gastone!

Il Conte Raffaello “Lello” Mascetti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.