SCRITTURA – “Non voglio sporcarmi!” ovvero come gli scrittori sono diventati schizzinosi

1riq7h.jpg

Lo sentii dire da un autore diversi anni or sono e ancora non è cambiata la musica. “Io non voglio sporcare il mio stile, quindi non leggo gli altri scrittori.” A questa frase non si potrebbe rispondere se non come fece Fantozzi nei confronti della Corazzata Poemkin: “È una cagata pazzesca.” Continua a leggere

La Giaculatoria – “Gli altri autori esordienti? Non li leggo nemmeno per scherzo!”

Scrittura-Cosa-fare-per-Fotolia_80014094_Subscription_Monthly_M-1024x768.jpg

A voi sarà capitato qualche volta, io ho addirittura perso il conto di quanti scrittori mi hanno detto frasi del tipo: “io gli altri non li leggo per scelta, sennò si sporca il mio stile” oppure “leggo solo i classici, perché da quelli si impara veramente”. Insomma di leggersi tra colleghi non se ne parla minimamente. Continua a leggere

Quattro chiacchiere con Elvio Ravasio – Il libraio scrittore che aiuta gli esordienti

presentazione3

Una presentazione nella libreria di Elvio Ravasio

Siamo andati ad intervistare Elvio Ravasio per voi. Chi è Elvio Ravasio? Beh è un po’ difficile da riunire in poche parole. Diciamo che è un autore che scrive da tempo, che ha una libreria-legatoria pensata appositamente per coloro che non hanno una distribuzione megagalattica alle spalle ed è anche gestore di un gruppo molto battuto su Facebook chiamato Scrittori in vetrina. Le sue fatiche letterarie sono, per ora, quattro a livello ufficiale e fanno tutte parte di una saga Fantasy che ci sentiamo di consigliarvi in quanto dotati di una trama piacevole e nati dall’esigenza di raccontare una storia affascinante alla propria figlia (trovate tutte le informazioni necessarie al link che vi metteremo alla fine dell’articolo). Ora, però, sentiamo cosa ci racconta Elvio sulla sua esperienza e sull’editoria come la vede lui. Continua a leggere

Blog A Pagamento e deontologia

11028186_10205757739524394_587433750_o

Più di una volta sono arrivate all’indirizzo mail della redazione delle richieste di recensione, di interviste o di segnalazione dei romanzi subito seguite da uno spaurito, quanto speranzoso di risposta negativa, quesito: “Quanto c’è da spendere?”. Proprio su questo argomento mi permetto di dire due parole in quanto responsabile del blog e, con somma disperazione dell’Ordine, giornalista.

Continua a leggere